Novembre 17, 2017

nulla-osta-impatto-acustico-roma-bar-locali-pubblici-ed-attivita-commerciali-acustica-ambientale

Ing. Luciano Lacroce – Tecnico Competente in Acustica Ambientale – 

Info e Contatti:  Tel.: 06 92958062 – Cell.: 3279988190 –

La Valutazione di Impatto Acustico per i locali commerciali come bar e altri locali pubblici è un documento importante dato il notevole interesse. Questo tipo di attività hanno la responsabilità  dell’inquinamento acustico introdotto negli ambienti limitrofi nonché all’interno delle abitazioni adiacenti.
Quindi, bar, trattorie, pizzerie, ristoranti, e pubblici esercizi sono sotto i riflettori non solo dei cittadini che abitano la zona ma anche delle autorità e degli organi preposti al controllo.
Infatti sono ben quattro i motivi principali per cui il gestore di un bar o di un locale pubblico debba ricorrere ad una valutazione di impatto acustico. Oltre alla normale VALUTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO che occorre presentare all’interno della SCIA per ottenere l’autorizzazione ad inizio attività vi sono altre due esigenze strettamente collegate con l’esercizio di questo genere di attività commerciale.

Il Comune di Roma ha predisposto un Regolamento per l’esercizio delle attività di somministrazione di  bevande ed alimenti attribuendo un punteggio a ciascuno dei requisiti elencati al suo interno, i quali devono totalizzare una somma minima dei punteggi per poter avviare qualsiasi tipo di pratica. Ebbene i punti attribuiti al rispetto dei limiti di emissione sonora sono i più elevati. Pertanto il gestore si ritrova molto spesso a dover richiedere la valutazione di tale requisito, prima ancora di verificare tutti gli altri, ossia la VERIFICA DELL’INSONORIZZAZIONE DEL LOCALE.
In ultimo, ma non meno importante, è la valutazione dell’impatto acustico per le attività temporanee che producano rumore. I locali pubblici sono i luoghi principali all’esterno dei quali, soprattutto nel periodo estivo, il gestore avvia pubblici spettacoli ed attività di intrattenimento musicale e/o danzante. Per questo tipo di emissione di rumore è prevista un’apposita domanda da inoltrare al Comune e senza la quale non è possibile ottenere l’autorizzazione. La RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ai limiti acustici si rende necessaria dal momento che difficilmente la produzione di musica all’esterno di un locale può risultare conforme ai consueti limiti di emissione sonora.