Giugno 19, 2018

Nulla osta pubblico spettacolo Roma

Manifestazioni temporanee di pubblico spettacolo a Roma

La domanda per ottenere la Licenza di pubblico spettacolo deve essere indirizzata al Dipartimento Cultura U.O Autorizzazioni di pubblico spettacolo e cine-televisive, ai sensi dell’ex Artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.

La domanda, con la marca da bollo da Euro 16.00, va corredata dalla seguente documentazione:

1. parere di agibilità per locali, tensostrutture e luoghi all’aperto con capienza superiore a duecento persone, che dovrà essere espresso dalla Commissione Comunale o Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo. E’ necessario per le attività permanenti e/o temporanee di arte varia, rappresentazioni cinematografiche, teatrali, trattenimenti danzanti, concerti di musica leggera, parchi divertimento, spettacoli circensi, manifestazioni di spettacolo e sportive ogni qualvolta vi siano strutture ed allestimenti per accogliere il pubblico;

2. locali, tensostrutture e luoghi all’aperto con capienza massima non superiore a duecento persone con approvazione del progetto relativo alla struttura o locale da parte della Commissione Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo. Dopo l’approvazione del progetto da parte della C.C.V.L.P.S. dovrà essere prodotta, ai sensi dell’art.4 del DPR n.311 del 28.5.2001 e del DPR n.293 del 6.11.2002, una relazione tecnico–descrittiva, che tenga conto delle prescrizioni dettate dalla Commissione citata, redatta da un professionista iscritto all’albo degli ingegneri, degli architetti, dei geometri e dei periti industriali che attesti, la rispondenza del locale/impianto o del luogo allestito all’aperto, ai requisiti previsti dalla Regola Tecnica emanata con DM n 149 del 19.8.1996 o, se impianto, con DM 18.03.1996;

3. documentazione a firma di tecnico abilitato attestante l’applicabilità del Titolo IX del D.M. 19.08.1996. Il suddetto titolo prevede che nel caso di luoghi e di spazi all’aperto accessibili a chiunque (piazze e/o aree urbane), non delimitati, utilizzati occasionalmente per manifestazioni varie non va richiesto il preventivo parere favorevole di agibilità alla competente Commissione di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo. Il TITOLO IX del D.M. n. 149 del 19.8.1996 è applicabile se ricorrono le seguenti ipotesi:

  • mancato allestimento di strutture specificatamente destinate allo stazionamento del pubblico per assistere a spettacoli e manifestazioni varie;
  • allestimento di un palco o pedana per artisti ;
  • installazione di attrezzature elettriche, comprese quelle di amplificazione sonora, in aree non accessibile al pubblico.

Ad allestimenti ultimati è necessario presentare la seguente documentazione:

  • certificazione dell’idoneità statica delle strutture allestite a firma di tecnico abilitato;
  • dichiarazione d’esecuzione a regola d’arte degli impianti elettrici installati a firma di tecnico abilitato;
  • dichiarazione concernente l’approntamento e l’idoneità dei mezzi antincendio;

4. SCIA (semplificazione prevenzione incendi giusto D.P.R. dell’1/8/2011 n.151) presentata al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, sito in via Genova 3/a, per le attività che prevedono la simultanea presenza di oltre 100 persone ovvero con superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 mq.

5. nulla osta per l’impatto acustico, rilasciato dal X Dipartimento – Tutela Ambiente;

6. concessione di suolo pubblico comunale o demaniale, rilasciato dal Municipio di pertinenza;

7. codice identificativo dell’attrazione dello spettacolo viaggiante e licenza rilasciata ai sensi dell’art. 69 TULPS nell’ipotesi di attività circense e parchi divertimento;

8. iscrizione nei ruoli di pagamento della tassa alla Nettezza Urbana; 9. permesso spettacoli e trattenimenti e/o quietanza di pagamento dei diritti di autore, da effettuarsi presso la SIAE;

10. statuto ed atto costitutivo della Società;

11. iscrizione della Società o della ditta Individuale alla C.C.I.A.A.

12. dichiarazione sostitutiva ai fini della certificazione antimafia;

13. diritti di istruttoria di Euro 60.00 da pagare presso l’Ufficio Economato.

I moduli possono essere ritirati presso il Servizio Amministrativo per le attività della Commissione Comunale di Vigilanza Locali di Pubblico Spettacolo e per le autorizzazioni di pubblico spettacolo e trattenimento ex art.68 e 80 TULPS e attività sanzionatoria o l’U.R.P. del Dipartimento Cultura in Piazza Campitelli n.7 e reperibili sul sito internet: www.comune.roma.it/cultura.

Impatto acustico

Per la richiesta del nulla osta di impatto acustico ambientale o autorizzazione in deroga ai limiti acustici è necessario presentare quanto segue.
– Domanda su specifica modulistica (disponibile presso l’ufficio e/o sito telematico www.comune.roma.it), a firma del titolare dell’attività, indirizzata al Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde.

– Relazione tecnica di impatto acustico ambientale redatta in conformità a quanto prescritto nell’articolo 17 della legge Regione Lazio del 3 agosto 2001 n. 18 (Modalità per il rilascio delle autorizzazioni comunali per le attività rumorose temporanee).

– Redazione della relazione previsionale d’impatto acustico.

La relazione tecnica d’impatto acustico ambientale (in duplice copia solo in caso di autorizzazione in deroga), con numerazione delle pagine (pag. x di y) deve essere firmata da un tecnico competente in acustica ambientale ed iscritto negli elenchi di una qualsiasi regione italiana e sottoscritta dal titolare dell’attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.